Sono un Crumiro!

Oggi c’era sciopero generale in Italia, e molti dei miei colleghi hanno aderito. Non solo gli operai, che é cosa comune, ma anche gli ingegneri – una categoria che usualmente non fa sciopero.

Io, ovviamente, ero dentro.

Senza voler entrare nel merito dei motivi per i quali si sciopera, ció che ritengo inadeguata é la forma di protesta.

Lo sciopero nasce in tempi in cui la forza lavoro rappresentava per il datore di lavoro una forma di “ricchezza”. Quando le condizioni lavorative diventavano pessime, il lavoratore poteva incrociare le braccia e cagionare dunque un danno al datore di lavoro, che – ricattato – veniva spinto a prendere provvedimenti.

Ma da allora a oggi c’é stato un cambiamento fondamentale: lo sciopero non é piú fatto contro il datore di lavoro (salvo alcuni casi rari) ma contro lo stato, al quale poco importa del danno subito dal datore di lavoro dello scioperante. Il danno causato, dunque, finisce col ritorcersi contro lo scioperante, che non puó che essere danneggiato da qualsiasi azione che danneggia l’azienda per cui lavora.

Alla base di questo atteggiamento nei confronti dello stato credo ci sia una deformazione mentale dura a morire. Ovvero quella che vede stato e padroni da una parte e “classe operaia” dall’altra. Ma stato e padroni non hanno interessi comuni, e la “classe operaia”, in realtá sta combattendo la lotta di classe da sola da decenni.

 

Lascia un commento

Archiviato in Chronicle, Lifestyle

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...