Archivi categoria: Sardinia

Questione di Valori.

Aaaah!

Che bello, è venuto il Papa a Cagliari! Che uomo buono, che uomo saggio, che uomo santo!

Sì, sono sarcastico. No, non sono contento che il Papa Cattolico sia venuto a Cagliari, non solo perché ci hanno fracassato le gonadi in ogni modo, non solo perché vedere centinaia di migliaia di persone affollarsi per vedere un uomo in un’auto bianca ha diminuito ulteriormente la mia stima nel genere umano, non perché abbia scomuniche multiple sulla testa, ma per il motivo più banale: perché non ne condivido le idee.

Ogni tanto sento qualcuno che dice: “No, io non sono Cristiano, le idee sono buone, ma non mi piace la Chiesa.” – o cose del genere. No guardate, per me le idee NON sono buone per niente. E se non sono buone le idee che ci sono dietro anche il modello di persona (vera o di facciata è ancora un altro discorso) non mi interessa. Se non segue i miei valori cessa di essere buono, cessa di essere saggio, cessa di essere santo. Sì perché “buono” è un concetto relativo. Significa in sostanza essere “allineato” a certi ideali, ma gli ideali non collimano.

Questo uomo vestito di bianco che viene a parlarmi di Speranza, Fede e Amore me le fa girare.

Sono Pagano. Non le conosco queste tre virtù.

Io non conosco la Speranza, io conosco il Coraggio: il coraggio di affrontare una situazione difficile solo con le proprie forze, senza aspettare aiuti, qualsiasi essa sia.

Io non conosco la Fede, io conosco la Verità: la ricerca continua, lo studio, le scienze di questo e dell’altro mondo, il desiderio di capire.

Io non conosco l’Amore, io conosco l’Onore: perché amare tutti senza discrimine è come non amarne nessuno, amo me stesso per prima cosa, e gli altri nella misura in cui migliorano la mia vita.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Lifestyle, Paganism, Sardinia

10 Buoni motivi per…

Molte persone, girando in Sardegna, restano stupite da una “usanza” che definiscono “incivile” (lungi da me difenderla, ma la ritengo comunque molto meno incivile dei botti di Capodanno). Sí vedete, pare che a noi, in Sardegna, i cartelli piacciano “bucati“.

Perché sparare ai cartelli? Beh, ci ho pensato su, e ho trovato 10 buoni motivi per farlo.

  1. Perché le cartucce costano poco.
  2. Perché è un oggetto verticale ben definito e funziona bene come bersaglio.
  3. Perché intorno a un cartello di solito non c’è nessuno. In fondo non siamo cattivi.
  4. Perché sparare la bandiera è reato, e poi si muove e rischi di mancarla.
  5. Per tutelare i turisti. Dal numero di buchi capiscono quanto è il caso di fare gli scemi.
  6. Per evitare di assomigliarsi tutti troppo.
  7. Per consentire la lettura anche ai ciechi.
  8. Perché la Sardegna è un isola ventosa, i fori riducono la portanza del cartello aumentandone la durata.
  9. Perché la Sardegna è anche un’isola calda. I fori migliorano la ventilazione.
  10. Perché ormai siamo affezionati all’idea e magari un domani sarà protetta dall’UNESCO.

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Sardinia

Il Sardo Migratore

È da un po’ che ho desiderio di fare un post sull’emigrazione, e sembra che i risultati elettorali di ieri abbiano dato l’impulso decisivo.

Vengo da una regione di migranti per necessità. Parte per le condizioni socioeconomiche, parte per l’insularità, per il Sardo quella dell’emigrazione è sempre stata una soluzione estrema necessaria, temuta e desiderata.

Fermandomi a riflettere mi vengono alla mente numerosi nomi di migranti tra le cerchie di amici più strette. Mio fratello di sangue per primo, e mio fratello di latte – Fabio –  per secondo. Il mio guerriero,  a Milano. Il buon Stefano, a Stoccolma. Lucio, un ottimo cardiochirurgo, a Bologna. Franca, in Australia per “fare fortuna”. Della famiglia di Daniel, due figli su tre migranti. Il fratello e la sorella di Elisabetta, in Irlanda. Roberto a Parigi e sua sorella a Milano. È una lista interminabile e molti altri vogliono seguirli.

Le motivazioni sono varie: oggettiva necessità per qualcuno, in quanto non trova qui il lavoro che sa o vuole fare. Ma anche desiderio di crescere, insofferenza verso una nazione sempre meno a misura d’uomo e soprattutto di Sardo.

Davanti a quello che è successo ieri, dover constatare che una larga fetta di popolazione non desidera affatto cambiare, la tentazione di prendere tutto e andarsene è forte. Io stesso sentendo i primi risultati ho commentato:”I don’t want to live on this planet anymore”.

Ma poi prende il sopravvento l’orgoglio, la voglia di non mollare, di sentirsi come Leonida alle Termopili.

Intendiamoci, non voglio giudicare chi sceglie di partire. È una scelta coraggiosa per ragioni diverse da quelle di chi ha il coraggio di restare. Ma so che se lo facessi mi peserebbe.

Non sto parlando di semplice nostalgia di casa (che, lo so già, sarebbe inevitabile), ma di un vero e proprio senso di sconfitta.

Le persone e le intelligenze sono la vera ricchezza di un popolo. Ogni volta che vedo persone in gamba che lasciano la propria terra e portano le proprie competenze altrove mi sento più povero. Ogni volta che persone mediocri si fanno spazio nel nostro sistema asfittico mentre uomini e donne oneste e capaci devono fare la valigia mi sento disgustato.

Aumenta ancora di più la mia voglia di restare e combattere. Di non cedere, di cercare di cambiare le cose e magari di riuscire un domani a far tornare chi è partito e desidera rientrare. Riuscire a cacciare i parassiti, gli ignoranti e gli stupidi che continuano a proliferare nelle pieghe sudate del sistema. E posso farlo solo da qui, solo restando a combattere contro forze preponderanti. Come Leonida alle Termopili.

Conscio che Leonida ha perso.

Lascia un commento

Archiviato in Chronicle, Lifestyle, Sardinia

Mi seu furriendi.

Mi seu furriendi.

Oe ci fiat su bandu po su dinai de sa Regioni (chi no est s’arrexoni manco po mo de nai…) e emos fatu (totus) una figuredha de merda chi pareus unu commodu de isola.

No est custa sa diretzioni, no est custu su modu. Depeus traballai po s’economia, no po su traballu. Su traballu benit candu s’economia camminat, dh’ant a cumprendi custa cosa – oh, facile facile mi parit – sos “gubernantis” nostrus?

O no dha cumprendint o no dha bolint cumprendi. At a essi sa segunda… mah!

Depeus accabai de pigai dinai “a pioggia” de sa zente de Roma. Depeus accabai de donai su votu a calincunu scetti po su favori chi mi at a fai candu dhu elegint. Depeus accabai de pensai a su stadu cumenti a mamai… depeus cresci, diaulu!

Biu amigus e compangius chi depint lassai s’isola po cricai traballu… e biu sa genti callona chi aparrat innoe e papat su dinai “ROMANO”.

Teneus concas, ideas e cumpetenzias, prus de su chi penseus. Tocca scetti de dhas usai.

Lascia un commento

Archiviato in Sardinia

Una Limba.

Ariseu, mi seu biu cun fradili meu. Deu e fradili teneus unu liámu stranzu. Mamai nos tzerriat “i protosardi”, e casi mai manifestaus s’unu cun s’attru dengus, ma teneus d’ogna momentu sa tzertesa  de tenni stima s’unu de s’attru. Potzu nai chenza timore chi fradili meu est in su coru meu commenti unu fradi etotu.

D’ogna logu, ariseu femus setzius a pigai friscura a Lapola. A sa beritadi, ci fiant 7 gradus, unu bellu primunotte de ierru, de cussus chi ti ses cancarendi de su frius… ma ci fiant puru lantias a infrarosso (infrarrubiu? 🙂 ), bona cumpangia e femus bufendi birra, e custu fiat de abbastu po chistionai in paghe.

Eus chistionau de tottu e de nudha. De sa famiglia pagu, de sa citadi meda. Tocca… eus crastulau puru.

E in mesu a totu, e prus che totu, emus chistionau de indipendentzia, de sarditade e de sa limba. AH! SA LIMBA! Chi est sa limba chentza nomene, sa limba e basta, e sa limba chi no tenet identidade, sa limba de totus e de nisciunu. Una limba chi est cumenti su sardu: balente e disuníu. Chi no seus prus bestendi sa berritta, e sas centu concas ant a fai puru calincuna cosa… foedhant centu limbas!

Ma deu pentzu chi certai de cali siat sa limba “bera” de Sardigna est cumenti certai de chini siat prus forti: Hulk o Sa Cosa. Una limba, cali chi siat, depit essi foedhada, depit essi scría. No importat mera de sa chistionai o scriri “bene”. Sa grammatica sighit s’usu, no est s’usu chi potet sighiri sa grammatica. Oe deu scriu una cosa chi – dhu sciu – est prena de irballus. Scriu una limba chi no est de custu o cudhu logu, ma tenet paraulas  isceberadas de d’ogna logu aundi d’apu intendias. No scriu Campidanesu, Mesania, Logudoresu o Laconesu. Scriu unu pagu de totus, poita seu cresciu unu pagu in cadaunu de custus logus. Sa limba mia est sa vida mia in custa terra.

Chistionaus in limba chentza timore. Scrieus in limba chentza timore. Dognunu faltat, dognunu incertat, totus impares imparaus, chenza bregungia. Oe deu nau una peraula irballada, cras dha apo a narai giusta. Ma si mi frimu a pentzai: “‘tta sutzedit si faltu?”, no dha apo a imparai mai. E custu balit po sa persona cumenti po sa natzioni.

Ajó, chistionaus imparis!

ANNOAMENTU: Mentras chi femu a sutta de sa docia, su cerbedhu meu at continuau a traballai. Femu pensendi… a infrarrubiu! Su sardu tenet, po disgratzia, stampus mannu de ditzionariu in calincunu campu. Meda genti at a narai chi “no si potet chistionai de scientzia in sardu”. BENI! No teneus unu problema, teneus una baga! Seus cumenti unu pintori innanti de una tela bianca: podeus criai.

Po bisura: in Sardigna no teneus “squirrels”. Podeus nai, chentza problema: “scoiattolu”, furendi sa peraula a s’Italianu. Ma podeus nai su propriu: “Ardillu” o “Ardigiu”… poitta no? Teneus una pariga de seculus de dominatzioni Aragonese, podeus pigai una peraula de su Castellanu (Ardilla). E, poitta no?, dhu podeus tzerriai “Topi de Matta”. Chentza furai peraulas a destra e a manca. Cummenti una kenning.

Itta est sa kenning? Una kenning est una locutzioni piessigna de sa poesia Norrena. Imbecis de usai una peraula, su poeta potiat usai una frasi pitica, meda bortas cun notas de sas legendas. Po bisura, s’oru fiat tzerriau “braxi de flumini”, poitta in sa leggenda de is Nibelungos, s’oro d’aiat acabau in su Renu, aundi si narat chi luxiat cumenti braxi asutta de s’abba. E no teneus nimancu de si dhu fai totus a sa matessi manera. Imoi podeus narai o scriri dognunu cumenti cheret e – ci potis contai – aus a cumprendi s’unu a s’attru su propriu.

Po tzerriai sa luxi invisibili podeus narai “infrarossu” e “ultraviolettu”… faendi unu scempiu de s’italianu e de sa limba sarda paris… o podeus narai “infrarrubiu” e “ultratanadu”. Poitta no? Chini cumprendit su Sardu d’at a cumprendi de seguru. Deu no chistionu su Tedescu. Ma si mi narant chi “arrubiu” est “rot” e “tanadu” est “violett”, candu biu “infrarot” e “ultraviolett” giai cumprendu itta mi funti narendi. E si unu cumprendit sa limba sarda, e scit itta sutzedit a sa luxi candu is ondas chi dha creant bandant a una lunghesa de unda prus pitica de 400 nm o prus manna de 750 nm (fintzas a 1 mm), no at a tennere problema a cumprendit de itta seus chistionendi.

Podeus criai peraulas in libertade, con unu pagu de fantasia… ma su sardu tenet duas cosas in su sambene: sa poesia e su bentu. Aundi est su problema?

2 commenti

Archiviato in Lifestyle, Sardinia